Obbligo di annuncio per i preparati

Semplificazione della procedura d'annuncio per i preparati

Per facilitare l'annuncio dei preparati secondo gli articoli 48 a 54 OPChim, non è più necessario annunciare la classificazione di ogni sostanza, ma soltanto la classificazione e l'etichettatura del preparato.

Questa semplificazione non riguarda i prodotti biocidi né i prodotti fitosanitari quali debbono sempre ottenere un'omologazione.

Tutti gli altri obblighi non cambiano, in particolare quegli relativi alle sostanze pericolose di un preparato che debbono essere dichiarate (allegato 1 ci 4 OPChim) e alle schede di sicurezza.

La persona responsabile per l'annuncio (fabbricante o importatore) deve avere il domicilio, la sede sociale della ditta o una sua succursale in Svizzera.

I preparati devono essere annunciati entro e non oltre tre mesi dalla prima immissione sul mercato.

Il fabbricante o l'importatore deve annunciare le seguenti categorie di preparati immessi sul mercato (art 3, 19 e 48 OPChim), se il controllo autonomo a dimostrato che si tratta di:

  • preparati pericolosi (art. 3 OPChim);
  • preparati che non sono pericolosi ai sensi dell'articolo 3 e che contengono almeno una delle sostanze seguenti:
- una sostanza pericolosa per la salute o per l'ambiente in un'unica concentrazione pari o superiore all'1,0 per cento del peso (preparati non gassosi) o allo 0,2 per cento del volume (preparati gassosi),
- una sostanza cancerogena di categoria 2, una sostanza tossica per la  riproduzione di categoria 1A, 1B o 2, un sensibilizzante della pelle di categoria 1, un sensibilizzante delle vie respiratorie di categoria 1, una sostanza avente effetti sull'allattamento o attraverso l'allattamento oppure una sostanza PBT o vPvB in una concentrazione individuale pari o superiore allo 0,1 per cento in peso,
- una sostanza PBT o vPvB in un'unica concentrazione pari o superiore allo 0,1 per cento del peso,
- una sostanza che figura nell'allegato 3 in un'unica concentrazione pari o superiore allo 0,1 per cento del peso,
- una sostanza per la quale è stabilito un valore limite d'esposizione sul luogo di lavoro nelle direttive 2000/39/CE, 2006/15/CE, 2009/161/UE o (UE) 2017/164.

Sono escluse dall'obbligo di annuncio le categorie seguenti di prodotti (art. 1 cpv. 5-6 e art. 54 OPChim):

  • i preparati trasportati su strada, per ferrovia, per via navigabile o aerea e attraverso impianti di trasporto in condotta, eccettuato l'articolo 10 capoverso 1 lettera b;
  • i preparati in transito sotto controllo doganale, sempre che non siano oggetto di lavorazione o trasformazione durante il transito;
  • i preparati immessi sul mercato esclusivamente per scopi di analisi, ricerca e formazione o usate nella relativa ricerca e sviluppo;
  • i preparati  sotto forma dei seguenti prodotti finiti destinati ai consumatori finali:

- derrate alimentari secondo l'art. 4 della legge del 20 giugno 2014 sulle derrate alimentari (LDerr),
- medicamenti secondo l'articolo 4 capoverso 1 lettera a e dispositivi medici secondo l'articolo 4 capoverso 1 lettera b della legge del 15 dicembre 2000 sugli agenti terapeutici(LATer),
- alimenti per animali ai sensi dell'articolo 3 capoverso 1 dell'ordinanza del 26 ottobre 20115 sugli alimenti per animali (OsAIA);

  • le armi secondo l'art. 4 cpv. 1 e le munizioni secondo l'art. 4 cpv. 5 della legge del 20 giugno 1997 sulle armi (LArm);
  • i preparati e agli oggetti considerati rifiuti ai sensi dell'articolo 7 capoverso 6 LPAmb
  •  i cosmetici;
  •  i prodotti importati per scopi privati;
  • i preparati impiegati esclusivamente nelle derrate alimentari, negli agenti terapeutici e negli alimenti per animali;
  • le miscele di gas composte esclusivamente di gas annunciati in precedenza
  • i prodotti chimici sottoposti all'obbligo di omologazione/autorizzazione/notifica: prodotti biocidi, prodotti fitosanitari, concimi, esplosivi e pezzi pirotecnici;
  • i preparati non pericolosi in imballaggi che non superano 200 ml di contenuto, se sono fabbricati in Svizzera e forniti direttamente dal fabbricante all'utilizzatore professionale o privato;
  • i preparati immessi sul mercato in quantità inferiori a 100 kg all'anno ed esclusivamente per utilizzatori professionali;
  •  i preparati acquistati in Svizzera e forniti in un imballaggio diverso da quello previsto dal fabbricante originario, se:
  1. il nome commerciale, la composizione e l'impiego sono invariati, e
  2. il nome del fabbricante originario è menzionato
  • per per i preparati importati che sono esclusivamente rietichettati ed esportati senza altre modifiche.

L'annuncio dei preparati deve contenere i seguenti dati (art. 49 e 50 OPChim):

  • il nome e l'indirizzo del fabbricante;
  • il nome della persona responsabile dell'immissione sul mercato nello SEE conformemente all'articolo 17 paragrafo 1 lettera a del regolamento UE-CLP se l'etichettatura non reca l'identità del fabbricante;
  • la classificazione e l'etichettatura;
  • gli impieghi previsti;
  • lo stato fisico;
  • per i preparati destinati ai utilizzatori privati e classificati come pericoloso a causa dei pericoli fisici o per la salute, l'identificatore unico di formula (UFI); L'UFI deve essere apposto sull'etichetta in modo chiaramente visibile
  • per i preparati pericolosi per l'ambiente: la prevista quantità annuale immessa sul mercato secondo le categorie seguenti: meno di 1 tonnellata, tra 1 e 10 tonnellate, tra 10 e 100 tonnellate, oltre 100 tonnellate;
  • per i preparati che contengono nanomateriali: che devono essere indicati nella scheda di dati di sicurezza: la composizione dei nanomateriali, la forma delle particelle e la grandezza media dei granuli, nonché, se disponibili, la distribuzione dimensionale numerica, il rapporto superficie specifica-volume, la struttura cristallina, lo stato di aggregazione, il rivestimento e la funzionalizzazione di superficie.

Per i preparati pericolosi accessibili a utilizzatori privati è necessario annunciare la composizione completa all'organo di notifica. I componenti non pericolosi ai sensi dell'articolo 3 possono essere denominati, secondo l'articolo 15, con un nome che designa i principali gruppi funzionali o con un nome sostitutivo.

Modifiche  (art. 52 OPChim):

Le modifiche dei dati di cui agli articoli 49 e 50 devono essere annunciati entro tre mesi.

Se, nel caso di preparati pericolosi per l'ambiente, la quantità annuale effettivamente fornita entro il 31 marzo dell'anno successivo, la quantità effettivamente immessa sul mercato l'anno precedente secondo le categorie seguenti:  meno di 1 tonnellata, tra 1 e 10 tonnellate, tra 10 e 100 tonnellate, oltre 100 tonnellate.

Disposizioni transitorie (art. 93a OPChim):

I fabbricanti di sostanze, preparati, prodotti intermedi e nanomateriali di cui all'articolo 48 che sono stati già immessi sul mercato all'entrata in vigore della modifica del 31 gennaio 2018 e che vengono reimmessi sul mercato dopo l'entrata in vigore
della modifica del 31 gennaio 2018 devono adempiere l'obbligo di annuncio di cui agli articoli 48-54 entro tre mesi al massimo dalla data di reimmissione sul mercato.

I fabbricanti possono immettere sul mercato i preparati di cui all'articolo 15a fino al più tardi al 31 dicembre 2021 senza indicare l'UFI.

Ultima modifica 12.06.2019

Inizio pagina