Detergenti per tessili e prodotti per la pulizia

I detergenti per tessili e i prodotti per la pulizia sono tra i prodotti chimici più diffusi nelle economie domestiche. È quindi particolarmente importante che siano classificati, etichettati e imballati correttamente.

Il passaggio al nuovo sistema di classificazione ed etichettatura (GHS) ha introdotto modifiche per alcuni dei pericoli che più frequentemente derivano da questi prodotti. In particolare sono da sottolineare le seguenti modifiche relative alla classe di pericolo 3.2 (corrosione cutanea/irritazione cutanea) e 3.3 (gravi lesioni oculari/irritazione oculare):

  • abbassamento dei limiti di concentrazione: a causa di limiti di concentrazione generici più bassi, l’applicazione della procedura di calcolo per queste due classi porta a una classificazione più conservativa.
  • principi ponte (bridging principles): quello che finora era possibile solo in casi isolati (metodo TGM (Treuhänder-Gutachter-Model); metodo A.I.S.E) diventa adesso un metodo standard. I dati dei test su prodotti sufficientemente simili possono essere adottati per il prodotto da classificare.
  • metodi di prova alternativi: per entrambe le classi di pericolo sono disponibili diversi metodi di prova (in vitro) che non ricorrono alla sperimentazione animale, mediante i quali si possono determinare le caratteristiche di pericolo del prodotto.

Una breve guida che dovrebbe indicare come i prodotti che potrebbero essere corrosivi per la pelle possono essere classificati secondo i nuovi criteri ricorrendo ai test in vitro è disponibile alla rubrica «Documenti». In particolare, sono riportati esempi di miscele aventi pH estremo e di miscele contenenti dal 5 al 10 per cento di ingredienti corrosivi ma che non hanno pH estremo.
Ulteriori informazioni sul tema sono disponibili al seguente link Metodi di prova alternativi.

Detersivi liquidi in capsule

Alcuni detersivi sono proposti in un formato liquido, altamente concentrato e predosato. Per questi prodotti, siano capsule detersive, detersivi liquidi in capsule o ecodosi, si devono osservare requisiti particolari per l’imballaggio e l’etichettatura. Informazioni più dettagliate sono disponibili alla rubrica «Link».

Ultima modifica 14.02.2017

Inizio pagina